INS Chakra

Progetto 75 Alpha è il nome con cui è conosciuto il programma per la realizzazione di sei sottomarini nucleari da attacco (SSN) per la marina militare indiana. Questi battelli saranno di sviluppo e costruzione nazionale, interrompendo dunque la tradizione di utilizzare unità in leasing dalla marina russa (e sovietica).

Il programma, secondo le previsioni, avrà un costo complessivo di circa 16 miliardi di dollari, e dovrebbe consentire di avere le prime unità operative per il 2032.

Storia

L’idea di realizzare una flotta di sottomarini nucleari da attacco non è nuova, per l’India. Il vecchio Programma ATV, infatti, in origine prevedeva proprio quello: solo successivamente si decise di realizzare dei sottomarini lanciamissili balistici.

Il Progetto 75 Alpha (questo è il nome in codice del nuovo sottomarino) è stato ripreso nell’ambito di un programma di espansione navale, che ha lo scopo di contrastare (soprattutto) le unità cinesi che si avventurano nell’Oceano Indiano. Ufficialmente, comunque, tutto è iniziato nel 2019, con uno stanziamento di 13 milioni di dollari per i progetti preliminari.

Complessivamente, la marina indiana prevede di costruire fino a sei battelli: tre a partire dal 2023-2024, e gli altri successivamente. Se non ci saranno imprevisti, la prima unità potrebbe entrare in servizio nel 2032.

Descrizione tecnica

Le informazioni sul Progetto 75 Alpha sono scarsissime. Si conoscono:

  • il dislocamento, di 6.000 tonnellate;
  • l’impianto propulsivo, con un reattore CLWR-B2 da 190 MW (lo stesso della classe S5);
  • l’armamento, che sarà composto da missili da crociera, antinave e siluri.

Sul resto, buio completo: il progetto, per la marina indiana, è considerato top secret.

Progetto 75 Alpha

Il sottomarino è ancora in fase di sviluppo, e le informazioni disponibili sono pochissime.

  • Lunghezza: ?
  • Larghezza: ?
  • Pescaggio: ?
  • Dislocamento in emersione: ?
  • Dislocamento in immersione: 6.000 tonnellate?
  • Propulsione: 1 reattore nucleare da 190 MW
  • Velocità: ?
  • Profondità operativa: ?
  • Profondità massima: ?
  • Equipaggio: ?
  • Autonomia: ?
  • Armamento: siluri e missili da crociera

Fonti

(immagine di copertina tratta da Wikimedia Commons. Credits: Marina Indiana. GODL)